in

Psicologia inversa per riconquistare una Ex

Se ti interessa capire come riconquistare una ex , sappi che esistono alcune tecniche che possono darti molte possibilità di riuscire nella tua missione. Va però detto che queste tecniche non sono tutte rose e fiori, perché producono dei potenziali vantaggi ma anche degli svantaggi, legati ad alcuni rischi che non sempre possiamo controllare.

Nella lista di queste strategie, rischiose ma anche particolarmente fruttuose, troviamo la psicologia inversa per riconquistare una ex. Si parla di un tema che, pur non essendo poi così complesso, richiede comunque un’informazione approfondita.

Giusto per capire come funziona, quando utilizzarlo e quali sono i pericoli, nel caso dovesse fallire.

Una premessa sulla Teoria della Reattanza

Per capire cos’è la psicologia inversa, e per poterla usare anche per riconquistare una ex che ha un altro [link], dobbiamo prima comprendere appieno la teoria della reattanza. Secondo gli psicologi più esperti, questa teoria giustifica un fatto a tutti noto: quando ci viene imposto di fare qualcosa, noi facciamo l’esatto opposto.

E lo stesso dicasi quando ci viene proibito un certo atteggiamento. Si tratta di una reazione che si innesca quando un essere umano perde il controllo di quella situazione: ciò lo spinge a cercare di riaffermare il proprio dominio e la propria libertà, di fatto andando contro ogni tipologia di imposizione o divieto.

È fondamentale comprendere questa teoria, perché è su di essa che si basa la psicologia inversa, quando applicata ai rapporti di coppia e alle separazioni.

Cos’è la psicologia inversa e come funziona

La psicologia inversa è una strategia che può essere sfruttata partendo proprio dai principi della teoria della reattanza. In pratica, serve per indurre un individuo a compiere un’azione (o a non farla) suggerendogli l’esatto opposto.

Sappiamo che a livello teorico non è tanto facile comprendere questo argomento, però basta fare qualche esempio pratico per capire esattamente come funziona, e come utilizzare la psicologia inversa per far ritornare una ex. Di fatto, questa tecnica prevede di adottare comportamenti in grado di comunicare all’ex il nostro totale distacco da lei, anche se ne siamo follemente attratti e vorremmo che tornasse da noi.

Operando in questo modo, andiamo nella pratica a manipolare i processi mentali di quella ragazza, facendole credere che vogliamo una cosa che in realtà non è vera. Se utilizzata in modo saggio, questa strategia può davvero ottenere dei risultati mirabolanti: perché lei percepirà il nostro distacco come un affronto, convincendosi che dovrebbe ritornare con noi, cosa che in altre situazioni non sarebbe mai accaduta.

Soltanto il fatto di essere messa in secondo piano, e di essere totalmente ignorata, le farà scaturire sentimenti molto forti come la gelosia, la possessività e la voglia di riaffermare la sua autorità su di te. E l’unica maniera per farlo sarà quella di riconquistarti.

Come detto, il successo di questa tecnica si basa sulla teoria della reattanza, che spinge una persona a prendere una decisione diametralmente opposta a ciò che le viene imposto. Se tu la tempesterai di chiamate, lei reagirà ignorandoti e allontanandoti, perché saprà che tu sei pronto a tornare con lei, quindi perderà interesse, perché è ciò che le chiedi. Dunque questa tua richiesta verrà vista al pari di un’imposizione.

Con la psicologia inversa, invece, trasformerai questa imposizione in un’autentica privazione: togliendole quella sensazione di dominio e di controllo su di te, le toglierai anche la certezza che tu la ami ancora. E allora lei farà di tutto per riconquistare ciò che ha perso, ma solo se agirai con astuzia.

Come usare la psicologia inversa con l’ex

È molto semplice riassumere, all’atto pratico, cosa dovrai fare per utilizzare la psicologia inversa per riconquistare una ex. Da un lato ti conviene prenderti del tempo, sparendo per farla poi eventualmente tornare [link].

Se vedi che lei non ti calcola minimamente, perché ha deciso di non piegarsi al tuo silenzio, allora puoi passare alla subdola tecnica psicologica che ti abbiamo descritto poco sopra. In primo luogo dovrai farti vedere da lei, perché sennò sarà tutto inutile.

Dovrai farti vedere felice e contento della tua nuova situazione da single, facendole intendere che adesso lei non ti interessa più. Nel farlo dovrai essere molto sottile, senza dirglielo chiaramente in faccia, perché così facendo lei non ci crederà mai. Ricorda che devi farglielo soltanto intuire, soprattutto perché in questo modo riuscirai ad aggirare i meccanismi difensivi della sua mente.

Il segreto è ignorarla, ma non in maniera clamorosa: se siete in gruppo insieme, cerca di parlare con tutti, compresa lei, ma di farlo in modo generico, trattandola come tratteresti un amico o un banale conoscente.

Le darai a intendere che non ce l’hai con lei, quindi che lei per te ha perso totalmente importanza: quando ti incattivisci con una persona, infatti, le fai capire che hai ancora dei sentimenti, ed è una cosa che devi assolutamente evitare.

È un modo come un altro per farle sentire la tua mancanza [link], anche se in questo caso si parla più che altro di privazione di attenzioni nei suoi confronti. Basta questo? No.

Consigli utili per farla tornare da te

Superato questo primo ostacolo, viene il bello (o il brutto). Il distacco dovrà essere tale di presenza, ma anche negli altri momenti. Una volta che vi siete rivisti, la tua ex si aspetterà di sicuro un tuo messaggio o una tua chiamata, e tu devi evitarlo.

Comportandoti in modo così scontato, infatti, gliela darai vinta, le farai capire che si era sbagliata e che in realtà l’ignorarla era solo una tua tecnica per riconquistarla. Non farai altro che allontanarla da te definitivamente, e purtroppo la maggior parte degli uomini casca proprio in questo errore. Spesso la tentazione di contattare l’ex è così forte che è difficile resistere, ma tu dovrai dimostrare di essere ancor più forte, se vorrai sfruttare in modo performante la psicologia inversa.

Nel mentre, quando vi rivedrete di nuovo, bissa i tuoi comportamenti della prima volta e ripetili: ignorala ma in maniera sottile, e senza fare lo snob, dunque coinvolgendola nelle conversazioni del gruppo in modo generico, senza darle più importanza degli altri.

Lei inizierà a farsi delle domande serie, e molto probabilmente in questa fase chiederà lumi agli altri componenti del gruppo: chiederà informazioni sulla tua nuova vita, cercando di capire se ci sono altre ragazze.

E lì scatterà il sentimento più forte di tutti, ovvero la gelosia. In quel momento, se la psicologia inversa ha sortito gli effetti che tu speravi, lei non ci penserà un attimo e ti ricontatterà. Non accettare la prima volta, e non perché te l’ha chiesto lei, ma inventando qualche impegno (un altro appuntamento, lo studio, il lavoro e via discorrendo).

Promettile comunque che più avanti uscirete assieme, e cerca anche di farle capire che ciò avverrà sul serio, e che non la stai “bidonando” vita natural durante. Le darai lo stimolo per rifarsi sotto, e a quel punto potrai accettare.

Gli errori comuni nella psicologia inversa

Molti errori comuni li abbiamo già descritti poco più sopra, ma ne esistono anche altri, dovuti al fatto che la psicologia inversa non funziona sempre.

E soprattutto non può essere applicata a tutte le situazioni possibili. Per farti un esempio concreto, questa strategia non va mai usata quando vuoi riconquistare una ex a distanza : per il semplice fatto che, ignorandola, non farai altro che aumentare il distacco che già vi separa. Un distacco che, in breve tempo, non diventerà solo geografico ma anche sentimentale.

In secondo luogo, la psicologia inversa non può funzionare su tutte le donne. Questo perché anche loro sono in grado di farsi furbe, quindi possono scoprire questo trucco, anche se lo usi in modo saggio e sottile.

Questo vuol dire che non devi mai partire dall’errato presupposto che sarai tu a vincere la battaglia psicologica con la tua ex, perché lei potrebbe essere più brava e più scaltra. Tu sai che lo stai facendo prendendoti i tuoi rischi, perché lei potrebbe a quel punto non provare più dei sentimenti tali da confonderla.

Per questo motivo, prima di usare le tecniche di natura psicologica, ti suggeriamo di capire se la tua ex tornerà [link]. Se lei non prova più dei sentimenti particolari, sarà quasi impossibile far breccia nella sua mente e dunque nel suo cuore. In quel caso conviene adottare altre tecniche, perché con la psicologia potresti soltanto allontanarla di più.

In conclusione, ti consigliamo di usare la psicologia inversa per riconquistare una ex solo quando ci sono i presupposti, cercando di non fare errori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *