in

Dove fare incontri gay? Ecco i luoghi più utilizzati

Tutti noi sappiamo che, oggi, i siti di incontri gay rappresentano la soluzione migliore per trovare omosessuali rapidamente e in tutta comodità. Eppure, nonostante si parli comunque dell’opzione numero uno in assoluto, esistono ovviamente altri sistemi e altre strade che potranno consentirti di incontrare gay in giro per l’Italia.

Ecco perché oggi approfondiremo questo discorso, spiegandoti dove fare incontri gay, sfruttando sia il web sia il “mondo reale”.

Si comincia proprio da Internet

Poco sopra ti abbiamo già citato i siti di dating per gay, e siccome si parla dell’opzione più efficace, conviene iniziare proprio da questa. Inoltre, sappi che i portali di dating sono ottimi anche per chi comincia adesso con questo tipo di incontri: perché sono facili da usare, perché proteggono la tua privacy e perché ti consentono di conoscere altri gay anche se sei fuori da questa comunità (dunque se non hai amici omosessuali).

Va poi detto che i siti in questione sono ideali anche se cerchi di capire se sei gay , e il motivo è il seguente: puoi organizzare un incontro con una persona che non conosci, vedere se la cosa ti stuzzica ed eventualmente procedere oltre. In altre parole, non ti giocherai la tua “reputazione” cercando esperienze omosessuali con persone della tua cerchia.

Lì sul web puoi trovare tantissimi siti di dating per gay, come ad esempio Match, che vanta oltre 1 milione di utenti attivi. Considera, però, che si tratta di un servizio a pagamento.

Prova con i gruppi di volontari LGBT

Un’altra risorsa molto preziosa sono i gruppi di volontari LGBT: qui abbandoniamo la rete e iniziamo a rivolgerci al mondo reale. Il volontariato è un ottimo sistema per capire dove fare incontri gay, soprattutto se desideri incontrare persone che condividono i tuoi valori e – perché no – anche le tue passioni.

Inoltre, darai un contributo concreto alla società, e nel mentre potrai appunto conoscere altri omosessuali, creando quindi un circolo di amicizie in questo mondo. Chi ha provato questa strada ha conosciuto moltissime persone, trovando anche l’amore, perché si parla di gruppi che traboccano di single.

Eventi e parate rivolti o sponsorizzati dai gay

Sicuramente saprai che eventi e parate come il Gay Pride possono darti molte chance, se si parla di conoscere altri gay. Ti basta dunque cercare tutti gli eventi organizzati nella tua città dalle associazioni gay, o comunque rivolti a questo target.

Alcuni esempi concreti sono le sfilate (proprio come il gay pride), ma anche le feste, le conferenze e qualsiasi altro evento che si tiene nei centri della comunità LGBT. Chiaramente è impossibile stilare una lista di queste manifestazioni, visto che ogni città ne ha di diverse, se si escludono quelle nazionali come il già citato Gay Pride.

Comunque non devi temere, perché basta una veloce ricerca su Google o su Facebook per trovare tutte le informazioni che ti servono.

Speed dating per single gay

Lo speed dating è un sistema vecchio quanto il cucco, usato da sempre dai single di tutta Italia per conoscersi alla velocità della luce.

Naturalmente è possibile partecipare anche ad eventi di speed dating organizzati specificatamente per gli omosessuali, ma è chiaro che le regole sono le stesse di sempre: si sceglie un luogo (ad esempio un bar), e una parte dei partecipanti si siede fisso ad un tavolo (ogni persona ha un numero di riconoscimento).

Poi l’altra metà degli invitati si siede al tavolo e si alza dopo tot minuti, chiacchierando e cercando di conoscersi. In pratica, in un’oretta è possibile arrivare a conoscere tantissimi gay.

Poi, quando il giro si conclude, ogni partecipante compila una scheda indicando i numeri delle persone che gli sono piaciute. Infine, l’organizzazione provvede a fornire il numero di telefono o un altro tipo di contatto, ma solo nel caso di “match”: ovvero quando due persone si sono vicendevolmente segnalate nella scheda.

Questo sistema è a dir poco fantastico, perché ottimizza i tempi, permette di conoscere molti gay, e soprattutto aiuta anche chi è timido, dato che si parla solo per pochi minuti. Diciamo che si basa molto sulle sensazioni del primo approccio e sul “mezzo colpo di fulmine”.

Tramite gli amici o per locali all’avventura

Anche qui parliamo di un grande classico: si contatta un amico gay, gli si spiega che intendi conoscere altri omosessuali, e gli si chiede di presentartene qualcuno. Naturalmente si parla sia di appuntamenti al buio (che noi sconsigliamo a tutti), sia di inviti ad uscire in gruppo (ovvero la soluzione migliore in assoluto).

E se non hai amici gay? Allora puoi provare ad avventurarti da solo in un posto che sai essere frequentato da omosessuali. Ogni città italiana ha i suoi luoghi di ritrovo per gay, dai bar ai localini, passando ovviamente per le discoteche e per le serate specifiche.

È chiaro che questo sistema ha i suoi pro e i suoi contro, e non è di certo adatto a tutti. Se sei una persona spigliata, di sicuro qui troverai molte opportunità per fare conoscenza e per entrare nei gruppi di altri gay.

Se invece sei timido, ti ritroverai a combattere contro ansie, insicurezze, dubbi e quant’altro: in sintesi, non solo non riuscirai a conoscere nessuno per via del mutismo selettivo, ma ti rovinerai la serata.

Quindi, se proprio devi andare da solo in un locale per gay, accertati di partire con il piede giusto, dando sin da subito un calcio alla timidezza. Il segreto, infatti, è essere aperti e ricettivi, per potersi mettere in mostra come un bel pavone dalle piume colorate.

Consigli utili per conoscere altri gay

Se questa è la tua prima volta con un omosessuale, e hai avuto la fortuna di conoscerne qualcuno, evita le domande troppo imbarazzanti. Un gay è una persona come tutte le altre, con i suoi sentimenti e la sua privacy, che tu dovrai rispettare.

Per farti un esempio molto concreto, evita di chiedergli come fanno sesso i gay  o altre domande del genere, perché lo imbarazzerai a morte, facendo una figuraccia. Cerca piuttosto di imbastire una conversazione normale, proprio come faresti con chiunque altro, così da potervi conoscere e da capire se avete delle cose o delle passioni in comune.

Un altro consiglio prezioso è il seguente: se stai pensando al web come soluzione, perché sei troppo timido per rompere il ghiaccio di presenza, cerca di usare al meglio i siti di dating per gay. Ciò vuol dire che dovrai compilare con cura il tuo profilo, evitando sempre di mentire, e inserendo solo le informazioni che ti rispecchiano davvero.

Anche la foto è bene che sia recente, perché in caso contrario verrai bollato come bugiardo. E se hai dei dubbi in merito all’efficacia del dating online, puoi cancellarli subito: anche se alcune persone reputano questi siti “per sfigati”, in realtà milioni di utenti ogni giorno si conoscono grazie a queste piattaforme.

Inoltre, potrebbe saltarti in mente l’idea di usare Facebook per conoscere altri gay. Questo social può essere un ottimo canale per trovare centinaia di eventi nella tua città e nei suoi dintorni, quindi è effettivamente utile.

Di contro, mettendoti lì ad aggiungere gay a caso, non risolverai nulla: Facebook non nasce per gli incontri, quindi è molto difficile che verrai accettato da qualcuno, perché quel qualcuno (come faresti tu) ci penserà due volte prima di aggiungere fra gli amici un perfetto sconosciuto. A questo punto ti conviene davvero usare i siti di incontri per gay, che nascono proprio per questo obiettivo.

Vogliamo lasciarti con un ultimo suggerimento: approccia i portali di dating sapendo sin da ora che nascono per “cacciarti via” dopo un certo tempo.

Cosa vogliamo dirti? Che dovrai usarli per conoscere persone in chat, ma che poi dovrai uscire dal digitale e organizzare con loro degli incontri dal vivo. Capiamo che la timidezza può diventare un ostacolo, ma dovrai imparare a superarla, perché prima o poi dovrai incontrare quella persona che ti piace così tanto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *