copywriting_regole2
Copywriting
0

Le regole base del copywriting

Il copywriting è l’arte di scrivere testi chiari, autorevoli e coinvolgenti, talmente efficaci da riuscire non solo a catturare l’attenzione di chi legge ma addirittura a spingere i lettori a un’azione concreta: il clic su un link, un commento, la richiesta di maggiori informazioni, l’acquisto di un servizio o di un prodotto. Ma come si fa a scrivere in modo così efficace e persuasivo, soprattutto sul web? Ecco le regole principali.

Quali sono le regole base del copywriting?

Scrivere in modo efficace, autorevole e persuasivo significa dare vita a testi che raggiungano in modo diretto la testa e il cuore dei lettori, lasciando in loro un segno positivo e convincendoli che la soluzione che stanno cercando è proprio lì davanti. Ecco le cinque regole base del copywriting.

  1. Scrivere in modo diretto, mettendo a fuoco il messaggio principale. Per essere davvero efficace, un testo deve far emergere il messaggio principale e lo deve fare in modo diretto, chiaro e immediato. Se un testo dà troppe informazioni senza un ordine di priorità, rischia di trasmettere confusione.
  2. Scrivere in modo semplice. Se le frasi vengono costruite in modo troppo complesso, con molte subordinate o usando parole troppo tecniche, si corre il rischio che il lettore non capisca ciò che stiamo dicendo e perda il filo del discorso… e la pazienza.
  3. Scrivere diffondendo informazioni… ma anche emozioni. Se lo stile di scrittura è banale e molto piatto, difficilmente riuscirà a coinvolgere il lettore.
  4. Scrivere tenendo sempre presente chi sono i destinatari del messaggio. Se si scrive per i bambini, non si potrà usare lo stesso tono e lo stesso stile che si adotterà scrivendo per i medici o i commercialisti.
  5. Scrivere testi grammaticalmente corretti e senza l’ombra di un refuso. Un testo sgrammaticato perde subito autorevolezza e lascia nel lettore un segno negativo!

Copywriting, web copywriting e SEO copywriting

Leggere sulla carta è molto diverso da leggere su uno schermo perché gli occhi compiono movimenti differenti: mentre sulla carta scorrono di riga in riga, sullo schermo saltellano da un punto all’altro alla ricerca delle informazioni desiderate. Di conseguenza, quando si scrive per il web bisogna seguire criteri diversi rispetto a quando si scrive per la carta. E se il copywriting si occupa della scrittura efficace e persuasiva nel suo complesso, il web copywriting si concentra sulle tecniche di scrittura più efficaci sul web, mentre la SEO copywriting unisce scrittura efficace sul web e ottimizzazione SEO, in modo da scrivere testi che piacciano sia ai lettori che a Google.

Quali sono le regole base del web copywriting?

Chi naviga sul web legge molto più velocemente rispetto alla carta e quando si trova su un sito vuole capire al volo se è proprio lì che troverà le informazioni che sta cercando. Se entro qualche secondo non le trova, passerà a un altro sito… è proprio questione di secondi! Una delle regole principali del web copywriting è di scrivere subito le informazioni più importanti, dedicandosi ai dettagli e alle informazioni secondarie solo in un secondo momento. È il metodo della piramide rovesciata. Per stabilire la priorità delle informazioni e decidere cosa scrivere subito e cosa no, è molto utile applicare la regola delle 5W (who? what? when? where? why?), ossia dire in un’unica frase di chi si parla, cosa è successo, quando, dove e perché. La regola delle 5W è nata in ambito giornalistico ma è perfetta per qualsiasi ambito di scrittura.

Quali sono le regole base della SEO copywriting?

Scrivere in ottica SEO significa dare vita a testi chiari, autorevoli e talmente efficaci da essere apprezzati non solo dai lettori ma anche da Google, che li premierà facendoli uscire tra i primi risultati della Serp. Una delle regole principali di SEO copywriting è individuare le keywords con le quali si vuole essere trovati, e uno degli strumenti base che aiutano a scegliere le keywords è Google Suggest. Un’altra regola importante di SEO copywriting è utilizzare i tag heading per i titoli di paragrafi e sottoparagrafi, in modo da dare una gerarchia ai testi e da far capire al volo sia ai lettori che a Google quali sono gli argomenti principali e quali gli argomenti secondari.

A te la parola!

Come avrai capito leggendo questo post o come avrai magari sperimentato di persona, scrivere testi efficaci e persuasivi non è affatto semplice, però è un’impresa davvero affascinante e coinvolgente. Quali sono gli ostacoli più alti che ti ritrovi ad affrontare? E con quali soluzioni riesci a superarli? Ti aspetto nei commenti!

Tiziana Gilardi Visita il Sito Web
Editor freelance per l’editoria e web editor, adoro trasformare un testo in un ottimo testo rendendolo chiaro, efficace e in sintonia con la grafica. Correggo bozze e scrivo per la carta e il web ma la mia Stella Polare è sempre la stessa: il lettore. La mia mission? Eliminare qualsiasi ostacolo tra il testo e la mente dei lettori e diffondere a piene mani il piacere di leggere.
Related Posts
content_marketing
Il content marketing non è per tutti
Scrivere per lavorare è una professione seria
come-scrivere-per-farsi-leggere
Scrivere per farsi leggere sul Web