Benedetto Motisi Visita il Sito Web
SEO e Copywriter - CTO di Linkfloyd - “In una galassia non troppo lontana” il terrificante Impero di Google aggiorna costantemente i fattori del posizionamento sulle pagine dei risultati di ricerca, lasciando i webmaster disorientati. SEOJedi ha deciso allora di dare il suo contributo alla Forza dell'ottimizzazione sui motori di ricerca.
formazione_SEO
SEO
0

Start-up di formazione SEO per newbie

Il lavoro di Search Engine Optimization, più comunemente noto con l’acronimo SEO, è una delle professioni che negli ultimi anni ha riscosso maggior successo in termini di guadagno e “notorietà”.

Ad oggi un esperto SEO ha a sua disposizione enormi possibilità lavorative (davvero, c’è un mondo da ottimizzare là fuori), ma la vera domanda vera è: come si arriva ad un buon livello di competenza, in marasma di mercato dove ormai tutti affermano di saper fare tutto?

Leggi di più
scuolamarketing
Fotografia
0

Marketing per la scuola: un piccolo compito a casa

Le campagne pubblicitarie che si occupano di proporre al pubblico articoli per la scuola di vario genere, sono molte ed hanno lo scopo di invogliare genitori e ragazzi a propendere per una marca piuttosto che per un’altra. Naturalmente i fattori determinanti che influiscono sulla decisione degli acquirenti sono molti e ben studiati a tavolino dagli esperti di marketing per essere il più efficaci possibile a seconda del target a cui si rivolgono. Osservando le strategie di mercato delle più famose aziende che trattano articoli per la scuola, possiamo notare come esistano principalmente due categorie di pubblico a cui esse cercano di arrivare tramite metodologie differenti.

Leggi di più
gdo_seo
SEO
0

Con cosa posizionarsi nella GDO?

Appartengo a quella specie rara di individuo che si diverte a fare la spesa: sia perché, sin da piccolo, sono sempre stato attratto da quel caleidoscopio di colori e sapori; sia perché, un po’ più grande, mi piace studiare il lavoro che c’è dietro la creazione del marketing dietro la nuova merendina, dietetica o grassa che sia (se non mi dessi una regolata, per mangiare sarei peggio di Pac-Man).

A livello SEO, purtuttavia, mi è capitato meno spesso del far la spesa di lavorare nel settore (nonostante è la stessa che mi permette di farla). Sicuramente non ho l’esperienza di chi si è dedicato al settore, ma un paio di idee me li sono fatte. E voglio confrontarle per capire se sto dicendo schioppettate o meno.

Leggi di più
yt_seo
SEO
0

YouTube è meglio per la SEO nel settore Tech?

Il settore tech – nel particolare quello videoludico – è sempre avanti quando si tratta di marketing e promozione online. Una fetta importante della mia professionalità pre-SEO only l’ho costruita proprio in questo campo a pane e, come fonti di riferimento, Destructoid e Kotaku (due portali di settore). Solo Shigeru Miyamoto sa quanto mi piacerebbe tornare a lavorarci (yep, è una auto-candidatura).

Digressioni in stile warp di Super Mario a parte, è innegabile e persino banale sottolineare che c’è una tendenza forte a puntare più sui contenuti video che su quelli testuali in questo campo.

Leggi di più
problemi_online
SEO
0

Come e perché le persone risolvono online i loro “problemi”

Hai presente il vecchio cartone Courage the Cowardly Dog (in italiano Leone il Cane Fifone) che, a cavallo degli anni 2000, è stato uno dei titoli di punta dei Cartoon Network? Se appartieni – come me – ai millennials 1.0 (gli ultimi che hanno vissuto il mondo pre-Internet) ti ricorderai il mitico Computer che rispondeva a ogni stramba domanda del cane protagonista.

Leggi di più
contenuti_olaborsaolavita
SEO
1

Sviluppare dei contenuti “o la borsa o la vita”

Nell’ultima parte del 2015, notizia forse un po’ in sordina nel web italiano a causa delle vacanze, Google ha rilasciato le linee guida per i suoi quality rater ovvero il personale addetto alla “valutazione umana” delle SERP.

Vale la pena ricordare che queste figure sono principalmente attive nei risultati di ricerca molto importanti in termini di traffico: con questo non voglio dire che puoi sbracarti e spammare come se non ci fosse un domani sulle piccole ricerche ma che una maggiore attenzione è data a settori più sensibili rispetto ad altri. Anche per ovvi motivi di impiego di risorse: è irrealistico pensare a una schiera di controllori di TUTTI i contenuti presenti nell’online, roba da striscia umoristica – o da distopia sovietica.

In questa direzione va una, a mio modesto parere, delle “novità” più importanti (fermo restando che se Google ha divulgato le linee guida, allora si tratta di qualcosa in realtà già assodato da tempo).

Leggi di più
1 2 3 6